allevamento

Consigli per l’acquisto…

Nonostante la cultura cinofila si stia diffondendo anche tra i neofiti grazie all’ampia disponibilità di contenuti educativi su internet e social network, per molte persone che decidono di condividere la propria vita con un cucciolo di razza i fattori determinanti nella scelta su dove acquistarlo sono ancora oggi prezzo e tempi di disponibilità.

Sul primo aspetto non c’è molto da dire: come tutti i costi, anche quelli relativi ai cani (alimentazione, cure veterinarie, farmaci ecc…) sono drammaticamente aumentati negli ultimi 4 anni ed era utopistico pensare che anche il prezzo dei cuccioli non ne risentisse; ognuno ha poi la propria disponibilità economica con cui necessariamente deve fare i conti.

La vera differenza su cui voglio soffermarmi qui sta invece nell’altro fattore determinante, ovvero i tempi di disponibilità.

L’allevatore amatoriale, che punta a preservare e se possibile migliorare la razza che alleva, investe molto tempo nel pianificare l’accoppiamento che ritiene più valido per procedere nel suo progetto di selezione. Attende il momento giusto, anche in funzione dei suoi altri impegni personali e professionali, per avere una nuova cucciolata, così da poterle dedicare maggior tempo possibile – anzi praticamente tutto il tempo a disposizione – spesso prendendosi delle ferie dal lavoro. Accudire una cucciolata dentro casa di giorno e (spesso anche) di notte per più di 2 mesi, per quanto fonte di immense soddisfazioni, è anche un sacrificio fisico e psicologico non da poco… Per questo motivo i cuccioli allevati sono pochi e spesso distanziati nel tempo tra loro, quindi è statisticamente più difficile che abbia disponibile un cucciolo esattamente quando questo viene ricercato.

Cuccioli schnauzer nano pepe sale
La cucciolata di un solo cucciolo richiede ancora più tempo… a noi è capitato ben due volte!

Si pone quindi un dilemma per chi vuole un cucciolo: aspettare o acquistare il primo cucciolo che si trova disponibile? La risposta esatta non esiste, ma può valere comunque questo principio: dopo aver visionato i cani (come sono di carattere, come sono esteticamente, come sono tenuti, che controlli sanitari sono stati effettuati) valutate la persona, il suo atteggiamento nei vostri confronti e la sua disponibilità, il suo rapporto con i propri cani e il contesto in cui questi vivono. Il fattore umano può fare davvero la differenza tra un acquisto incauto di cui ci si pente, sentendosi abbadonati a sé stessi alla prima problematica, e la massima tranquillità di sapere di poter contare su un supporto pre- ma soprattutto post-acquisto sempre presente, di esperienza e preparato.

Per questo in un’epoca in cui le relazioni tra persone sono diventate talmente asettiche da considerare anche una semplice telefonata un’invasione all’altrui privacy, il mio consiglio è: chiamare, chiedere, visitare!

Anche noi abbiamo avuto un primo cane, che abbiamo bramato come poche altre cose al mondo… Ma sappiamo anche che un cane non è un oggetto, e come non comprereste un’auto da una persona che non vi ispira piena fiducia, men che meno dovreste farlo per il vostro cucciolo!

Lo spunto per questo articolo:

Avviso per tutti coloro che cercano un cucciolo!

[Traduzione:
Gli allevatori di cani non sono distributori automatici di cuccioli.
Non sfornano cani a manetta. Non funziona che premi un bottone e ottieni un cucciolo.
C’è un grande lavoro di pianificazione e di preparazione dietro ogni singola cucciolata. I buoni allevatori selezionano per salute, temperamento e per il miglioramento della loro razza.
Resisti alla tentazione di fare le cose di fretta.
Come prima cosa trova il programma di allevamento che ti convince – vale la pena di aspettare.]

Cuccioli in arrivo!

Una nuova bellissima notizia ci è giunta oggi: Idyll è incinta! Questa cucciolata, che nascerà sotto l’affisso La Cascade de Lenteney di Katia Galli e Sophie Crepaldi, è il frutto della collaborazione e della reciproca fiducia, ed è quindi un pochino anche nostra… Ci auguriamo che l’incontro dei geni di Idyll con quelli del maschio che abbiamo scelto – Modern Tying Zig Avalaunch “Grisù”, proveniente dalla Russia – produca cuccioli sani, equilibrati e belli!

L’ecografia di Idyll

L’ecografia mostra diversi cuccioli… Ora incrociamo che tutto vada per il meglio per il resto della gravidanza e per il parto…

Maggiori informazioni e aggiornamenti sulla cucciolata in arrivo verranno pubblicati qui

La selezione del pelo corretto: perché è così importante

Il pelo di Idyll

Quella che a prima vista potrebbe sembrare solo una fissazione meramente estetica, ovvero selezionare attentamente i riproduttori anche per le caratteristiche del loro mantello, nasconde in realtà qualcosa di più profondo, che ha un impatto reale sulla vita quotidiana di chi sceglie di condividere la propria vita con uno Schnauzer; questo senza mai tralasciare salute ed equilibrio caratteriale, che devono comunque essere al primo posto quanto a priorità di allevamento.

Se per il neofita distinguere un buon pelo da uno meno buono può essere complicato, ritengo che ogni allevatore, che abbia a cuore la salvaguardia dei tratti tipici della razza preservandoli dalla degenerazione, debba considerare tra i primi elementi di scelta proprio la qualità del mantello dei riproduttori.

La motivazione primaria è di ordine pratico: sappiamo che tutti i nostri cuccioli finiscono in famiglie i cui membri non hanno tempo e/o voglia e/o manualità per seguire in modo quotidiano il pelo dei loro cuccioli, e quindi dobbiamo facilitare loro la vita. Il come è presto detto: privilegiare nella scelta quei riproduttori il cui mantello è naturalmente di facile manutenzione. Quali sono le caratteristiche che ricerco a questo scopo? Dal mio punto di vista si possono riassumere nei seguenti requisiti:

  1. Il pelo sulle zampe e la barba non devono essere eccessivamente abbondanti. Nel tempo ho riscontrato che il pelo sulle zampe molto folto e tendenzialmente soffice è correlato ad un eccesso di sottopelo su tutto il corpo del cane, cosa che ha diversi impatti negativi:
    • richiede un lavoro quantomeno settimanale di slanatura importante;
    • tende ad annodarsi, specialmente sulla linea ventrale, le ascelle e nella barba;
    • fa apparire il cane disordinato, in quanto il sottopelo cresce attorno al pelo e spesso lo supera in lunghezza;
    • rende lo stripping semestrale più difficile, lungo e più fastidioso per il cane stesso (oltre che per il toelettatore).
  2. Il pelo di copertura deve essere spesso, dal calibro importante. Questo perchè peli così robusti, simili a setole, sono molto cheratinizzati e per loro natura trattengono meno particelle di sporco e di cattivo odore; aggiungiamoci anche che sono più lucenti, e quindi ne consegue che non c’è necessità di bagni frequenti per tenere questo tipo di mantello irsuto splendente e senza odori.
  3. Infine, cani con mantello naturalmente duro, spesso e con la giusta quantità di sottopelo presentano di norma condotti auricolari con inferiore crescita di peli al loro interno, e quindi più facile manutenzione e minor rischio di insorgenza di cerume eccesssivo, otiti e malattie da lieviti. Consiglio sempre e comunque ai nuovi proprietari di continuare l’abituazione iniziata in allevamento di una manipolazione completa, compresa quella periodica delle orecchie, anche semplicemente per rimuovere con una pinzetta i pochi peli che dovessero crescere al loro interno.

Se tutti questi aspetti possono sembrare ad un primo sguardo meri dettagli, assicuro che nella routine settimanale di manutenzione del pelo di uno Schnauzer possono significare decine e decine di minuti di lavoro in meno, e molti meno grattacapi per la sua salute!

Il Natale di 15 anni fa…

Questa foto trovata per caso in un vecchio archivio mi ricorda che esattamente a Natale di 15 anni fa partivamo allo sbaraglio per un viaggio della speranza verso la Danimarca.

Jewel aveva deciso che i suoi giorni fertili sarebbero stati Santo Stefano e il 27, quindi fatto il pranzo di Natale siamo partiti sotto la neve in direzione Randers (1500 km), senza navigatore, senza Airbnb e con un cellulare che all’estero era meglio non usare visti i costi delle chiamate internazionali.

Mai io e Cinzia ci dimenticheremo di quel viaggio il freddo patito durante l’accoppiamento: un’ora intera passata in ginocchio sull’erba gelata di prima mattina, non finiva più…

Grazie a tutto questo il 25 febbraio 2009 sarebbero nati i tre Cairn delle meraviglie Brave, Charlie e Holger – anche se i nostri piani erano ancora più ambiziosi e si sono concretizzati solo per metà.

In questi tempi svogliati in cui mi sembra un sacrificio improbo anche andare ad una esposizione più distante di 50 km, questa foto è un mio piccolo promemoria di quanto eravamo risoluti allora e di come sia sempre necessario osare e puntare al meglio per sperare – almeno sperare – di fare dei passi avanti verso un traguardo.

L’altra morale è che comunque è sempre meglio osare nella bella stagione, se possibile 😅

[Nella foto siamo io, Karma (Red’s Flame Karma), Jewel (Precious Hnoss) e Josie (Casso’s Josephine) sulla spiaggia di Grenaa, tutti decisamente infreddoliti anche lì.]

Era un freddo Natale su una spiaggia del Mare del Nord…

Clonazione… no grazie!

La notizia secondo cui il nuovo presidente dell’Argentina abbia fatto clonare il suo Mastiff ottenendo 4 cuccioli-copie mi era sembrata all’inizio una bufala; nella mia ingenuità non credevo che la clonazione fosse davvero una pratica impiegata per scopi commerciali.

Ne trovo però conferma nel sito di PerPETuate Inc., che l’ha eseguita; sempre dal sito leggo che ad oggi hanno ottenuto più di 70 cuccioli con questa tecnica, la quale, sebbene “tecnicamente possibile, continua ad essere complicata e costosa” (cito dalle FAQ).

Lasciando per un attimo da parte le implicazioni bioetiche insite nella clonazione (un argomento troppo complesso per me), mi auguro (temo invano) che a nessun facoltoso allevatore venga in mente di clonare il proprio campione, decretando così l’inizio della fine del nostro hobby/passione/ossessione per la selezione del cane di razza.

Pensandoci bene 70 sono tanti…. chissà che non siano già in qualche ring?!

La clonazione spiegata semplice [fonte Wikipedia]