La Toelettatura del Cairn Terrier

Quando decidiamo di prendere un cane, o sappiamo già quale razza o non razza portare a casa con noi; oppure ne abbiamo in mente qualcuna, ma vogliamo saperne di più delle nostre varie possibilità; o ancora non abbiamo la più vaga idea di quale tra le tante razze e non razze potrebbe fare al caso nostro! In questi due ultimi casi per saperne di più ci affidiamo a libri, internet, conoscenti o perfetti sconosciuti ai quali chiediamo informazioni sul proprio beniamino che ci ha particolarmente colpito!

Beh in questi casi sicuramente ciò di cui più vorremo sapere sono il carattere, la taglia, adattabilità in casa o in giardino, ma spesso non ci poniamo neanche il problema del PELO! Secondo me invece è molto importante soprattutto se ci piacciono la casa e i vestiti sempre puliti, o non vogliamo dover portare il nostro piccolo una volta al mese dal “parrucchiere” o ancora non abbiamo voglia di spazzolarlo tutti i giorni!

Per quanto riguarda il Cairn Terrier il pelo ha moltissimi vantaggi e forse un solo svantaggio ( se poi così lo vogliamo chiamare).

I vantaggi sono la mancanza di odori particolari, il non dover per forza di cosa dedicargli più di due spazzolate a settimana, il perdere un numero quasi nullo di peli, andare dal “parrucchiere” solo 2 volte all’anno! Beh non mi sembra poco…o sbaglio?!

Lo svantaggio di cui vi parlavo è l’appuntamento un paio di volte all’anno con lo stripping..vi spiegherò più avanti cos’è!

Prima vorrei analizzare ciò che lo standard dice del mantello di questa razza per capire meglio come è fatto:

MANTELLO:

Pelo: Molto importante. Resistente alle intemperie. Il mantello deve essere doppio, con pelo di copertura abbondante, duro, ma non grossolano; sottopelo corto, soffice e fitto. Un mantello aperto è indesiderabile. Una leggera ondulazione è ammessa.

Colore: Crema, grano, fulvo, grigio e quasi nero. La tigratura è accettata in tutti questi colori. Non sono ammessi il nero uniforme, bianco e nero focato. Sfumature più scure, ad esempio su muso e orecchie, sono molte tipiche.”

Vediamo meglio cosa significa..

“Resistente alle intemperie”: con questa frase intende una buona impermeabilità e resistenza anche a temperature fredde, certo questo non significa 20° sotto 0!

“Il mantello deve essere doppio, con pelo di copertura abbondante, duro, ma non grossolano; sottopelo corto, soffice e fitto”: abbiamo due tipi di pelo, quello di copertura duro al tatto, non troppo lungo, ma neanche troppo corto, che rende impermeabile il mantello, proteggerebbe il cane dai rovi nel caso in cui dovesse svolgere il compito di caccia per cui è stato selezionato e quindi doversi inoltrare tra cespugli anche spinosi!

Al di sotto troviamo il sottopelo, che protegge invece dal freddo e non si vede se non sollevando il pelo di copertura! E’ morbido e più corto del pelo superiore. Secondo la mia esperienza è più chiaro del pelo di copertura anche se più o meno della stessa tonalità!

“Colore”: i colori non ammessi sono il bianco (colore invece unico del West Highland White Terrier, vicinissimo parente del Cairn), il nero unicolore e il nero focato! Per il resto possiamo trovare una varietà infinita di colori – uniformi, più o meno tigrati e chi più ne ha ne metta! E’ quasi impossibile vedere due Cairn con lo stesso identico colore!
Una particolarità del colore del pelo di questa razza è la sua possibilità che il colore nel tempo cambi! Con l’età può piano piano cambiare colore o scurirsi. Infatti quando un futuro proprietario di Cairn ne vorrebbe uno di un certo colore, purtroppo ( o per fortuna!), non gli si può garantire che da grande il suo amico a quattro zampe avrà il colore che ha quando lo porterà a casa! Ma vi assicuro che anche se all’inizio credete che il colore del suo mantello sia importante quando lo avrete con voi e magari cambierà colore, dopo qualche anno vi accorgerete del suo cambiamento solo guardando le foto!

Holger3

holger6Holger a pochi mesi e a distanza di anni..se lo dovessimo riconoscere per il colore ciò non sarebbe possibile!!!!

LA TOELETTATURA

Per tenere in ordine il Cairn è sufficiente una bella spazzolata un paio di volte a settimana, un bagno anche solo 2 volte all’anno e cosa molto importante lo stripping! Che cos’è questo stripping?! Beh è un termine che significa che il pelo morto di copertura deve essere “strappato” via. Non spaventatevi, il cane non sente dolore, certo non gli fa piacere, ma è più la poca pazienza che hanno a stare sul tavolo che altro! Immagino che non sia neanche molto piacevole ( per chi lo sarebbe?) ma non provoca atroci sofferenze! E’ un lavoro che bisogna far fare da un toelettatore esperto! Quando il pelo è maturo, cioè quando tirando un ciuffo di peli con l’indice e il pollice il pelo viene via con facilità, è ora di toglierlo! Rimarrà un soffice sottopelo o già ci sarà anche del pelo di copertura corto corto che già è ricresciuto sotto, e dopo un paio di settimane già avremo il pelo di copertura che sta a buon punto nella sua crescita..più sano, forte e duro del precedente!

idunzampeZampette di Idun: a sx strippata e a dx ancora senza stripping


In natura questo lavoro verrebbe svolto dai rovi, quando il cane passa tra i cespugli per inseguire la preda alcuni ciuffi di pelo rimangono impigliati tra i rovi, oppure dalle rocce tra le quali caccia! Ma oramai credo che i Cairn che vanno a caccia tra i rovi siano pochissimi se non inesistenti, quindi siamo noi che dobbiamo sostituirci alla natura e togliere il nostro quattro zampe dal peso di un pelo vecchio che vorrebbe solo essere tolto per dar spazio a quello nuovo!

Con l’andare degli anni (dopo aver visto il nostro toelettatore esperto farlo), se vi va, potrete anche voi cimentarvi nello stripping! Vi divertirete!

Questo tipo di toelettatura può esser fatto con le mani e/o con degli specifici coltellini, che però non devono tagliare il pelo, ma solo aiutarci a strapparlo via più facilmente! La cosa migliore sarebbe usare le mani fin quando possibile, in alcune parti del corpo però (es: zampe e coda) il coltellino potrebbe aiutarci parecchio!

Mi raccomando non deve essere assolutamente usata la macchinetta e le forbici, però a seconda del tipo di pelo (ad es nel caso di un pelo di copertura non troppo duro), le forbici vanno usate solo sotto la pancia e sotto la coda, dove fa un pò male al cane togliere il pelo strappandolo!

Un consiglio: tenete sempre in ordine le orecchie del vostro Cairn, il suo aspetto migliorerà di molto con le orecchie sistemate. Con le dita togliete il pelo per circa un terzo dell’orecchio partendo dall’alto!!

Insomma spero che questa pagina vi sia stata un pò d’aiuto per saperne di più sul mantello del Cairn Terrier. E se date un’occhiata in internet a vari siti potrete divertirvi a cercare due Cairn con lo stesso colore…Buon lavoro!